Psicologia dei Costrutti Personali: verso un umanesimo costruttivista

Perché le persone fanno quello che fanno? Perché pensano, sentono e agiscono in un determinato modo? Sono queste, probabilmente, le domande fondamentali cui ogni teoria psicologica tenta di dare risposte plausibili. La Psicologia dei Costrutti Personali (PCP) in questo non è diversa dagli altri approcci teorici. Le sue risposte, tuttavia, per la prima volta, non prescindono dalle persone, dal loro punto di vista. Il focus sull’idea che la conoscenza non si dà fuori dall’esperienza (è costruita) obbliga a considerare il modo in cui le persone danno un significato a ciò che fanno, a se stessi, agli altri e al mondo che li circonda. La pratica terapeutica che ne deriva non può contare più su categorie ‘oggettive’, né può considerare il terapeuta come l’unico depositario della conoscenza. Trascesi quasi tutti i punti di riferimento delle altre psicologie la PCP conduce a una prassi terapeutica ‘da persona a persona’ difficile e rigorosa, riflessiva e creativa.
Durante workshop, per meglio comprendere la prassi terapeutica, andremo alle origini di questa teoria e visiteremo gli assunti su cui poggia. In particolare, approfondiremo la nozione di ‘scelta’ così come la propone G.A. Kelly e ne esploreremo la valenza tanto nella vita quanto nella pratica terapeutica, per comprendere come e perché le persone (terapeuti compresi) agiscono come agiscono, senza prescindere dalla loro personale visione delle cose.
Massimo Giliberto, psicologo-psicoterapeuta, Direttore e Didatta della Scuola di Psicoterapia Costruttivista dell’ICP.


Il workshop si svolgerà presso la sede dell'Institute of Constructivist Psychology in via Martiri della Libertà n. 13 a Padova.
La partecipazione è gratuita, ma è necessaria la prenotazione (tel. 0498751669; email [email protected])